I already miss being a backpacker (Sento già la mancanza di essere un backpacker)

Perth, capitale del Western Australia

Eccomi tornato, sono a Perth! Destinazione finale … forse.

Dopo il deserto e la settimana a Darwin passata quasi interamente in biblioteca ad aggiornare il blog, sono arrivato nella capitale del Western Australia, ed anche la capitale più isolata al mondo; la città più vicina è Adelaide e si trova a meno di quattro ore di volo.

Perchè Perth?

Perchè è l’ultima città che mi restava da visitare. Escludendo Canberra che a quanto pare non vale la pena visitare, è la città dei politici e sinceramente non ho tanta stima della categoria.

Perchè nel Western Australia non vi ero ancora stato. E’ lo stato più grande d’Australia, occupa i 2/3 dell’intero continente e conta una popolazione di circa soli 2 milioni e mezzo di persone.

Perchè qui ci sono molte più opportunità di lavoro. Questo è quello che dicono, Perth cresce ad una velocità superiore a quella della Cina, ed è anche la città con il maggior numero di “self-made” miliardari!

Perchè questa volta ho pensato con la testa e me ne sto pentendo sinceramente!

Fino ad ora ho passato momenti bellissimi in Australia, la mia testa era completamente libera di preoccupazioni, ho sempre avuto il mio onesto ed umile lavoro che mi ha sempre permesso di dormire, mangiare e mettere qualche soldo da parte per i miei viaggi.

Ho fatto del “Vivi come se dovessi morire domani, e pensa come se non dovessi morire mai” il mio motto; ho semplicemente vissuto il presente senza preoccuparmi troppo del futuro contando sul fatto che in futuro me la caverò come me la sono sempre cavata!

Arrivato a Perth, ho pensato bene (ma forse male), di mettere la testa a posto, cercare qualcosa di serio, pensare di costruire qualcosa, insomma smettere di girare come una trottola e stanziarmi (che “bella” parola, la prendo in prestito da un deficiente che qualche tempo fa aveva criticato le mie scelte) qui.

Questo è quello che dovrebbe fare un ragazzo di 28 anni che non è più un ragazzino.

Razionalmente è la cosa più corretta da fare, dato che negli ultimi quattro anni ho cambiato 5 nazioni, più di 20 città, eccetto l’anno che ho passato in Italia, non ho vissuto nello stesso posto per più di 6 mesi,  ho fatto lo zingaro!

A volte ho anche avvertito un po’ di stanchezza, iniziare ogni volta tutto da capo non è facile, ti tocca imparare una nuova città, linee del bus, fermate dei treni, conoscere nuova gente, cercare un lavoro ed un luogo che deve assomigliare ad una casa.

Però ogni volta che sono lì, pronto per ripartire, avverto un fuoco dentro di me, il mio corpo si carica di adrenalina, avverto brividi di emozione, i miei occhi si spalancano affamati di paesaggi, le mie orecchie sono invece assettate di avventure da ascoltare, il mio naso è in attesa di assaporare nuovi.

Questo sono io, ancora una volta, un maledetto curioso viaggiatore sognatore!

Qui a Perth sto perdendo un po’ di abbronzatura e un po’ di questo entusiasmo, sarà il fatto di aver ripreso a pensare troppo al futuro, la paura di tornare in Italia,  l’essere circondato da tanta gente alla ricerca disperata di uno sponsor, che di visitare l’Australia non ha nessuna intenzione (non condivido questa scelta, ma la devo rispettare), sto perdendo la libertà che mi ha contraddistinto in questi ultimi mesi.

Ora intanto mi voglio godere questo angolo di Australia, questa settimana inizio l’ennesimo nuovo lavoro, ancora una nuova esperienza, mi impegnerò al massimo come sempre, guadagnerò un po’ di denaro e sono certo che una mattina, come sempre mi accade mi sveglierò con l’idea di partire e non ci penserò troppo, comprerò un biglietto qualsiasi e di nuovo, zaino in spalla ripartirò con il mio sorriso stampato sulla faccia!

Due backpackers italiani

23 thoughts on “I already miss being a backpacker (Sento già la mancanza di essere un backpacker)

  1. Roberta scrive:

    Come sempre leggo tutto e ti ammiro sempre più!!!! Quali saranno le tue prossime mosse?
    Un forte abbraccio!
    Roberta

  2. Roberta scrive:

    ..ma soprattutto: quale lavoro inizierai ora?

    • giuseppelop scrive:

      cameriere in un ristorante a 5 stelle, preso senza esperienza. Quando iniziai a fare il pizzaiolo mi presero per via dell’accento italiano, in questo caso ho sentito che mi hanno preso per la “bella presenza”, lì hanno preso tutti un abbaglio!

      • Roberta scrive:

        BRAVO BEPPE!!!!!!!!!!!!!!
        FAI VEDERE IL FASCINO LATINO!!!!!!!!!!
        In bocca al lupo x tutto, sei davvero in gamba!!!!!!!! ^_^

  3. Adriana scrive:

    se mi avessero detto qualche anno fa che avresti fatto questa vita, non ci avrei creduto! fai bene a vivere così finchè puoi e finchè ti va, sono tutte esperienze uniche ed irripetibili che la maggior parte della gente non farà mai… però prima o poi torna sulla terra! ciauuuu

    • giuseppelop scrive:

      neanche io pensavo di farlo, questo è il fascino della vita; come sempre dico a 20 dicevo che a 28 anni mi vedevo laureato, sposato e sistemato, oggi che sono solamente laureato dico che a 38 mi vedo perso in qualche strada da qualche parte del mondo, poi nn si sa mai che mi sbagli ancora! comunque tanti saluti e mi sembra che il tuo grande evento sta per arrivare, in bocca al lupo!

      • Adriana scrive:

        crepi! cmq tu sei ovviamente invitato eh… se trovi un last minute c’è il posto per te! anzi se mi mandi il tuo indirizzo ti mando l’invito serio… sempre che tu mantenga il tuo attuale indirizzo per un tempo sufficiente almeno per farti recapitare la posta di qui😀

      • giuseppelop scrive:

        per gli inviti ai matrimoni, che sono sempre felice di ricevere, puoi utilizzare l’indirizzo di casa in Italia🙂

  4. Mimmo scrive:

    devo dire una cosa…
    “questa sporco lavoro qualcuno lo deve fare!”
    non tornare in Italia, ripeto, non tornare in Italia🙂
    poiché ti sembrerà il purgatorio…🙂

  5. giuseppelop scrive:

    mi batterò fino alla fine per non tornarci, lo prometto!

  6. cler87 scrive:

    Ciao!..per ora ho letto solo questo post, ma condivido pienamente con te quella sensazione che si ha prima di partire, quel fuoco dentro e quella curiosità di vedere e conoscere il più possibile!😀
    …Solo su una cosa non sono troppo d’accordo: a Canberra non ci sono solo politici (io in un mese e mezzo qui non ne ho mai visto uno!) ma molto altro che riguarda la “storia” (200 anni hihi) dell’Australia intera!..e poi scusa, uno curioso come te non può decidere di non visitare una città a priori!😛

    • giuseppelop scrive:

      La storia dei politici è anche una battuta sul luogo comune che si ha quando parla di Canberra, in realtà stavo per andarci, avevo un amico lì (a lui però non piaceva, anzi quando stava per trasferirsi e cercava casa una tipa al telefono gli disse: are you moving to Canberra?! Are you insane?, è impossibile mettere tutti d’accordo) poi una mattina ho comprato un volo per la Tasmania e la visita a Canberra è saltata, ma non escludo che per caso un giorno ci andrò. Del resto sono in Australia anche per caso! Buona permanenza in Australia, ogni tanto farò un salto anche sul tuo blog😉

      • cler87 scrive:

        Vero!..soprattutto al momento meglio stare alla larga dai politici!..ahahaha….cmq grazie mille!😉 Buona permanenza anche a te!
        Ciaooooo!😀

  7. gabriele scrive:

    Ciao! Sono un ragazzo che sta valutando l’idea di fare un’esperienza simile, ma piu mirata sul lavoro…
    Su alcuni blog girano voci che nei campi si guadagnano anche 1000$ a settimana, sono discorsi veritieri secondo le tue conoscenze? Quali sono le zone dove si trovano questi tipi di lavori di raccolta di frutta nei campi?
    Ringrazio fin d’ora e ti auguro tanta fortuna!

    per.indi.gabrielemorresi

    • giuseppelop scrive:

      sinceramente io non ho mai guadagnato 1000 dollari a settimana, ho conosciuto gente che lo ha fatto; per far ciò devi trovare le farm giuste e farti il cosiddetto “culo”, o lavori a contratto, ma devi essere velocissimo o devi lavorare dalle 60 alle 65 ore a settimana. In sostanza i soldi nessuno te li regala!

  8. Alessandra scrive:

    Ciao Giuseppe, ho appena letto il tuo post.. ti dico solo complimenti!
    Ho 20 anno e anch’io sto cercando di fare una cosa del genere, anzi in realtà ho già cominciato, sono stata a girovagare per l’america un anno, guadagnavo poco ma quello che mi bastava per risparmiare e viaggiare. Come te non mi importava del futuro, vivevo solo nel presente, e stavo piu che bene, certamente il periodo piu bello della mia vita fin ora! poi per problemi sono dovuta tornare in Italia purtroppo, ma non ho intenzione di rimanerci a lungo, quindi ti volevo chiedere, tu come hai cominciato? sei partito per i fatti tuoi o ti sei appoggiato a qualche agenzia? e secondo te è meglio partire soli o con qualcuno?
    grazie in anticipo!😉

    • giuseppelop scrive:

      Complimenti a te, a 20 già un anno in America; io a 20 nemmeno pensavo che un giorno avrei pensato di andare in Australia, era un concetto troppo “avanti” per me!
      Cmq io dopo le mie esperienza europee mi sentivo abbastanza esperto da poter organizzare tutto solo, su internet trovi tutte le informazioni riguardanti il visto (working holiday, lo richiedi on-line e ci impieghi 20 minuti per compilarlo e meno di 24 ore per ottenerlo), come aprire un conto in banca (basta solo il passaporto) e fare l’application per il TFN (il codice fiscale australiano), queste sono le cose più importanti; il volo poi cerchi il più conveniente, prova a vedere Emirates, Eithad, Singapore airlines, Cathay Pacific, AirChina da Londra, ce ne sono davvero tante, ho sentito di persone che sono arrivate qui solo con 500 euro, in media sono 700 di andata, poi se compri andata e ritorni risparmi qualcosa.
      Io parto sempre solo perchè ho più libertà di fare quello che voglio, in realtà qui sono venuto con uno dei miei migliori amici italiani ma lui era qui solo per un mese di vacanza poi è tornato a casa, poi ho conosciuto molta gente, ritrovata altra, ecc… di avventure se ne vivono tante in ogni caso. cmq il tuo spirito mi piace e secondo me tu vivrai sicuramente una bellissima esperienza qui in Australia.
      Buon viaggio!

      • Alessandra scrive:

        grazie per tutte le informazioni! prima di avventurarmi cosi lontano, anche se ormai sono abituata alle distanze grandi essendo stata per un pò a seattle e vancouver, mi piacerebbe provare l’erasmus; è una delle cose che voglio provare nella vita, e anche se in questo momento so che in italia fare l’università non aiuta granchè, ma ci proverò lo stesso, lo farò piu per me stessa.
        Poi, tempo di mettere da parte i soldi prenderò un volo per l’australia.
        L’ultima cosa che ti volevo chiedere, è se alla fin fine è vero che è facile trovare lavoro lì? tutti me lo dicono ma nessuno ci è mai stato realmente quindi non so.. e poi una mia curiosità: hai sempre abitato in ostelli?

  9. Giulia scrive:

    La mia storia è uguale alla tua, forse ad uno stadio più avanzato. Sono tornata in Italia a febbraio e ora vivo e lavoro a Milano. Niente può misurare cosa l’Australia è stata capace di darmi e, maturata un pò di esperienza nel settore in cui ho trovato un posto, ho deciso che tornerò laggiù, in quella che ho considerato “casa mia” dal primo momento, e farò di tutto per rimanerci. Perchè laggiù, lontano lontano da qui, io sono stata fottutamente felice!

  10. gloria scrive:

    adoro il tuo blog e adoro che ci sia gente come me. che prende e che va.
    come avrai notato li ho commentato già altri, ma ogni volta che li leggo, mi rendo conto che sto facendo giusto! ci si becca li!;-)

  11. Piero scrive:

    Ciao Giuseppe sono Piero abito a Torino .volevo farti una domanda: sono un ottico specializzato in contattologia e iridologia secondo la tua esperienza in Australia questo tipo di mestiere e di facile occupazione ?ringraziandoti ti auguro una lunga permanenza .ciao e un po’ ti invidio

    • giuseppelop scrive:

      Ciao Piero, grazie per avermi contattato. In realtà non conosco bene il mercato del tuo settore, però quello che ti posso consigliare è fare un ricerca di lavoro nei siti seek.com.au o mycareer.com.au e vedere il numero di offerte presenti, poi prova a contattare aziende o agenzie di reclutamento e spigare quello che sai fare e che vorresti fare, vedi cosa ti rispondono e avrai un’idea di partenza. ciao e in bocca al lupo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...