Cervelli fuori?!

cervDurante il periodo di assenza dal blog ho scritto qualche articolo per il sito internet “Cervelli fuori”

http://www.cervellifuori.it/

L’idea di essere contattato per fornire il mio contributo ad un altro sito internet mi lusingava molto però avevo il dubbio che l’autore, in questo caso l’autrice, del sito si stesse equivocando e contattando la persona sbagliata.

Il termine che va di moda da ormai un po’ di anni è quello del “cervello in fuga”. A quel punto io ho pensato che “cervelli fuori” fosse una specie di sinonimo, un modo originale e meno banale di classificare tutti quei professionisti costretti ad abbandonare l’Italia per avere maggiore gratificazione in ambito lavorativo.

Quando ho poi avuto l’opportunità di conoscere via skype la bravissima autrice del succitato sito, ho voluto chiarire la situazione, in quel momento, nonostante la mia brillante carriera universitaria e la breve esperienza lavorativa, non potevo considerarmi completamente un “cervello in fuga”, in Australia non lavoravo per nessuna multinazionale o  università.

Altre volte ero stato contattato tramite il mio blog per raccontare la mia esperienza in radio locali italo-australiane, altri siti internet, ecc… però in conclusione la mia storia non si dimostrava affatto “appealing” o “mediaticamente interessante”: piuttosto che un pazzo alla vera scoperta dell’Australia e chissà di che altro si cercava sempre un giovane scaricato dall’inferno italiano ed accolto con un tappeto rosso nel paradiso australiano!

Quindi per lei avevo già pronto una sorpresa: il mio coinquilino, un fisico mantovano con dottorato di ricerca in meccanica quantistica, esperto di supercalcolo impiegato come supporto alla ricerca presso la Curtin University: UNA RARITA’!

A quel punto lei mi ha spiegato meglio il suo progetto sul sito riguardante l’Australia, che era in qualche modo legato al concorso “The best jobs in the world”. Lei non era affatto interessato al mio simpatico coinquilino o a nessun “cervello in fuga”, ma piuttosto a persone che avessero fatto esperienze un po’ “terra terra”, di viaggio, dei veri cervelli abbastanza fuori!

In altre parole dei FUORI DI TESTA!

A quel punto ho capito che rientravo perfettamente nella categoria!

Da lì è partita la mia breve collaborazione come “freelance blog writer” (questo titolo nell’era digitale fa proprio figo…),

Ho scritto quattro articoli riguardante la mia vita in Australia, li tovate qui: http://www.cervellifuori.it/author/giuseppe

Il mio preferito si chiama “Au iu goin’ meit?!”, qui mi diverto a prendere in giro gli usi e costumi dello stereotipo australiano: il mate!

Sfogliando le pagine del sito potete leggere le storie di altri ragazzi in giro per il mondo, qualcuno un po’ più o meno fuori dell’altro ma mai tra le righe!

Buona lettura!

P.S. Ringrazio Enrica, la bravissima autrice del blog, per avermi offerto questo piccolo piacere di scrivere per il suo sito!

Il logo del sito Cervelli fuori

Il logo del sito Cervelli fuori

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...