No worries,…

Questi giorni pensavo a come inaugurare il mio blog australiano! Ho pensato ai diversi titoli: “Manca un mese!”, “Countdown partito”, “Il sogno sta per realizzarsi”, ecc… ma nessuno di questi mi convinceva seriamente, troppo romantici, sdolcinati, scontati…non so!

Poi di colpo l’ispirazione! Mi sembra doveroso specificare che il copyright del titolo del primissimo articolo appartiene ad un certo Nadir, staff dell’ostello dove io e Gino soggiorneremo i primi 10 giorni.

Tutto ciò nasce da un mia distrazione: ieri ho prenotato tramite hostelworld 2 letti in un ostello che sembra molto carina a St Kilda a Melbourne, pago l’anticipo del 10%, stampo tutto e aspetto Gino per mostrargli la prenotazione, al suo arrivo mentre rileggevo la prenotazione mi accorgo della cazzata che avevo combinato: ho prenotato 2 posti letto in un 10 Beds Female Dorm, il che significa in una stanza per sole donne, Gino era già divertito dall’idea di dover dividere la stanza con sole donne, ma io gli spiego che questo non sarà possibile perchè non ci avrebbero permesso l’accesso in una stanza solo per donne; pertanto immediatamente scrivo una mail direttamente all’ostello, scusandomi dell’errore e chiedendo di poter cambiare la prenotazione, prenotando i letti in un altro dormitorio.

Ed ecco la frase che incarna lo spirito australiano che più volte mi avevano raccontato, e credevo fosse invece il solito luogo comune, come il “Ma che …!” italiano, l”olè” spagnolo e il “voilà” francese.

La risposta alla mia mail è stata:”No worries, see you at 12 February”; nient’altro! Continua a leggere